Asia Serafini, l’Avvenire è dalla tua parte! A Milano la giovane empolese sfiora la magnifica impresa nella manifestazione internazionale Under 16 più importante dl’Italia

L’empolese tesserata per il Tc Prato Asia Serafini va ad un passo dalla conquista del 54° Torneo dell’Avvenire, disputato al Tennis Club Ambrosiano di Milano, la più importante manifestazione internazionale under 16 in Italia. A tre anni di distanza da Giulia Peoni, anch’essa giocatrice del Tc Prato, sconfitta nel 2015 da Maria Lourdes Carle, l’atleta italiana viene superata dalla russa Erika Andreeva, nata in Siberia il 24 giugno del 2004, per 75 67 61 in un match combattutissimo e molto bello davanti a un pubblico appassionato ed entusiasta. La giocatrice dell’est nel 2018 ha già vinto la Wilson Cup in Repubblica Ceca e ha conquistato il secondo posto europeo con la squadra russa a dimostrazione di un’atleta che punta a seguire le orme della sua connazionale Sharapova. La tennista empolese, dopo aver vinto in semifinale il derby contro Matilde Paoletti per 64 36 64, non riesce a ripetersi contro la russa ma dimostra di essere pronta per il tennis che conta e dopo l’ottima prestazione al Torneo Internazionale Under 18 “Città di Prato”, dove gli venne concessa una wild card  e perse dalla vincitrice della manifestazione, ora con questo risultato si mette in luce a livello internazionale.  “L’avevo vista giocare contro la mia amica Eleonora Alvisi – spiega Asia Serafini – la Andreeva è una tennista che spinge molto e questo alla fine è stato determinante. Dopo i primi due set stavo bene poi è venuta fuori la stanchezza, fisica e mentale, degli incontri precedenti. Comunque sono contenta per il torneo che ho disputato e questo mi da la forza per allenarmi ancora meglio per il proseguo della stagione“. Tra l’altro l’ultimo trionfo femminile italiano all’Avvenire risale al 2005 quando la toscana Corinna Dentoni superò la kirghiza Palkina.

Fonte: Ufficio Stampa Trofeo Avvenire

Condividi su:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *