Davis Cup: il bilancio di Paolo Lorenzi nella sfida con l’Argentina è di una vittoria e di una sconfitta. L’Italia adesso è al match decisivo

Paolo Lorenzi in campo in Davis CupE’ stato il senese Paolo Lorenzi ad aprire le danze nel match di primo turno di World Group di Davis Cup 2017 tra Argentina e Italia: al Parque Sarmiento di Buenos Aires il nostro Paolino è sceso in campo per il primo singolare contro Guido Pella, numero 84 al mondo. Il match si preannunciava difficile, sia per le condizioni climatiche che ambientali, ma Paolino ha zittito il numeroso pubblico presente domando l’ostico argentino con un triplice 6-3: solo nel terzo set Lorenzi ha vissuto qualche game di appannamento, ma in generale ha dominato la partita in lungo e in largo.
Sul 2-1 a favore degli azzurri, il toscano è sceso di nuovo in campo nella terza giornata contro Carlos Berlocq, con l’intenzione di chiudere la disputa a favore dell’Italia. Fin dalle prime battute ci si resi conto che l’incontro sarebbe stato durissimo, complice un avversario caricato a pallettoni dal caldissimo pubblico di Buenos Aires. In più ci si è messa un’interruzione per pioggia di quasi due ore sul punteggio di 4-4 nel primo set a spezzare il ritmo di Lorenzi, che ha giocato a tratti, compiendo la bellezza di 86 errori non forzati. Pur lottando fino alla fine, è stato Berlocq a trionfare con il punteggio di 64 46 61 36 63 dopo 4 ore e 15 minuti di partita. A causa dell’oscurità, l’ultimo singolare decisivo è stato rinviato ad oggi: Argentina e Italia chiudono il weekend sul punteggio di 2-2, chi vince sa già che dovrà affrontare, a sorpresa, il Belgio.

Condividi su:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS

Una risposta a Davis Cup: il bilancio di Paolo Lorenzi nella sfida con l’Argentina è di una vittoria e di una sconfitta. L’Italia adesso è al match decisivo

  1. GIOCATORE scrive:

    Io spero veramente che l’Italia vinca, anche se Fognini ha perso il primo set per 6-2.
    Pero’, indipendentemente da come andrà a finire, vorrei sapere perchè non hanno fatto giocare Seppi che è in ottima forma, mentre Fognini nel doppio pareva avere i “piedi di piombo” e la solita “cronica indolenza pragonabile” solamente al suo talento.
    Speriamo che Barazzutti abbia ragione…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>