Ha senso ancora chiamarli Campionati Toscani?

I Campionati Toscani Indoor organizzati dal Match Ball Firenze come ogni Febbraio e giunti nel 2018 al significativo traguardo della quarantesima edizione quest’anno si sono aperti ad una grandissima novità: per la prima volta nella storia essi si rivolgono anche ai giocatori non toscani, nè di nascita nè di tesseramento. Questo cambiamento si è reso necessario dal momento che i “Toscani” sono inseriti all’interno del percorso di pre-qualificazioni per il Foro Italico e assegnano le wild card per accedere al principale torneo profesionistico italiano: nelle altre Regioni i tornei di pre-qualificazione sono aperti a giocatori di tutta Italia, e anche il Granducato si è dovuto adeguare.
L’assalto dei più forti tennisti extra-regionali è stato subito massiccio: nel singolare maschile, per fare un esempio, due tra i favoritissimi saranno Alessandro Petrone e Antonio Massara, che in quel caso sarebbero vincitori ma non campioni toscani. Il campione regionale infatti sarà il giocatore nostrano che andrà più avanti nel tabellone, con ipotesi anche paradossali: per esempio se gli ultimi tennisti toscani saranno eliminati nei quarti di finale, dovranno fare un torneino per aggiudicarsi il titolo, mentre in parallelo il torneo “vero” va avanti. Ha senso chiamare ancora la rassegna del Match Ball Campionati Toscani? Probabilmente no, ed è un peccato che la forza della tradizione di un brand ormai conosciutissimo sia stato “sacrificato” sull’altare del marketing delle pre-qualificazioni…

Alessio Laganà

Condividi su:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS

4 risposte a Ha senso ancora chiamarli Campionati Toscani?

  1. fabrizio pacini scrive:

    2 al prezzo di 1

  2. Luisa virgili scrive:

    Analisi lucida,caro Alessio,a Firenze non c ‘è un torneo open,effettivamente dovevano adeguarsi all’impostazione degli altri appuntamenti del percorso di pre-qualificazione e però mantenere in altra data i campionati regionali ,almeno avevamo due tornei open e conservavamo il fascino della bella tradizione dei regionali….

  3. Lucia Curielli scrive:

    Che tristezza fanno tutto per fr crescere gli incassi….come dice il proverbio prendno una…….con due piccioni

  4. Filippo Galletti scrive:

    È diventata una buffonata, lo dovrebbero semplicemente chiamare pre qualificazioni per Roma e via, il senso del nome campionati toscani è morto, ma tanto vedendo il numero di iscritti, hanno ragione loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *