Il metodo di calcolo delle classifiche nazionali FIT 2019: ecco le novità…

Come consuetudine da diversi anni i giorni natalizi portano in dote le Classifiche Nazionali FIT seguite a ruota dal Metodo di calcolo per quelle relative all’annata seguente (2020). Andiamo a occuparci di ciò che è stato cambiato e di quali saranno i principali effetti delle modifiche.
Questi sono i principali cambiamenti rispetto al Metodo 2019:
– Le vittorie conquistate nei doppi, limitatamente a quelli relativi ai campionati degli affiliati (A, B, C, D), giovanili e veterani varranno 25 punti l’una ma solo se verranno utilizzate per riempire degli ‘0’ nella casella degli slot liberi.
– Vengono aumentati i punti minimi per la salvezza e la promozione per i Terza, per i Seconda e per buona parte dei Quarta.
– Vengono diminuite le vittorie base da considerare dai 3.2 ai 2.1.
– Viene attribuita una classifica minima a chi è stato Seconda negli ultimi 15 anni e a chi ha un certo Power TPRA.
– Le due promozioni di metà anno sono state già calendarizzate (28 Aprile e 26 Giugno 2019).
La prima modifica, quella più ‘clamorosa’ secondo molti lettori superficiali, avrà invece una valenza molto ridotta specialmente per chi, giocando diversi tornei, andrà a riempire tutte le caselle vuote e non conterà alcun risultato dai doppi. Esulta invece chi, giocando pochi match, può affidarsi al doppio per andare a coprire qualche risultato mancante. Questa rimane una modifica marginale e senza una logica meritocratica: un 3.3 o 3.4, ormai quasi la norma in serie D3, vincendo tre doppi contro coppie di Quarta scarsi, avrebbe 75 punti da poter utilizzare negli slot liberi. Viceversa anche se i Quarta scarsi vincessero contro i 3.3 o 3.4 conterebbero lo stesso numero di punti. Servirà una modifica sostanziale nei prossimi ‘Metodi’.
Per quanto riguarda la quarta modifica, che ritengo giusta nell’idea di fondo, ritengo che equiparare un 2.1 o 2.2 a un 3.2 e insistere a considerare i Maestri e i Tecnici 3.3 (o 3.5, magari anche a 65 anni e con la racchetta appesa al chiodo da secoli) sia abbastanza singolare e certamente poco rilevante. La classifica si conquista sul campo e non per titolo!
Sull’ultima modifica la FIT ha invece voluto chiaramente indicare la data di applicazione delle nuove Classifiche per evitare il classico caos e il solito interrogativo ‘da quando e con che classifica mi iscrivo?’ .
La seconda modifica in analisi, strettamente correlata alla terza, è invece la novità più importante addirittura degli ultimi anni dato che nel nuovo metodo la media/punti per incontro vinto necessaria a salvarsi o a salire sale drasticamente. Prendendo in analisi un 3.1: nel 2019, con 10 vittorie base da considerare, la salvezza arrivava con 285 punti (285/10, media di 28.5 punti a partita) e la promozione con 540 (540/10, media di 54 punti a partita) mentre nel nuovo metodo di calcolo ne serviranno ben 300 (300/9, media di 33 punti a partita) e 580 (580/9, media di 64 punti a partita). L’esempio, scelto a caso, è valido per quasi tutte le classifiche di ogni livello e gruppo. La FIT è voluta tornare all’antica (e giustissima) regola che per essere promossi serve una media/punti sopra i 60 e per salvarsi ne serve una sopra i 30 punti per partita base che entra nel calcolo delle vittorie. Per la verità, se vogliamo essere severi, nei primi anni (2000-2011), quelli delle Classifiche ‘toste’ per intendersi, il parametro era ancora più ampio: un 3.1 per salire 2.8 necessitava di una media di 70 punti/partita mentre per salvarsi ne serviva una di 40. Un ritorno al passato non può fare altro che bene a consolidare le classifiche a patto che, e questo è un mio modesto consiglio e parere personale, il Metodo di calcolo rimanga fisso per diverso tempo così come lo è stato agli albori. Quelle di un decennio fa sono le Classifiche che la gente ritiene più reali e veritiere, forse, proprio perché rimaste con le stesse regole (severe ma giuste) per un lungo periodo. Un ritorno in tal senso, magari con il reinserimento delle riduzioni per gli Under, mia crociata ormai da tempo, non potrebbe che fare del bene a tutto il Sistema delle Classifiche FIT.

Giorgio Panini

Condividi su:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS

2 risposte a Il metodo di calcolo delle classifiche nazionali FIT 2019: ecco le novità…

  1. Emanuele scrive:

    trovo assurdo che anche sopra i 65anni un Maestro o Tecnico resti sempre 3.5… troverei invece giusto l’inserimento di una classifica giovanile

  2. Giorgio scrive:

    In Francia sono state reintrodotte le riduzioni per gli under. … Tra poco tocca anche a noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *