Torneo 3a Categoria limitato 3.3 Ct Siena (Formula Rodeo): Marco Fusi e Asja Bicchi prendono al lazzo il titolo, il Rodeo non è affare per i tanti “stranieri” presenti!

Non ha mai avuto grossa fortuna la formula Rodeo in Toscana, così rappresenta un grossa grossa inversione di tendenza il Torneo di 3a Categoria limitato 3.3 maschile e femminile organizzato dal Ct Siena, in parallelo con un torneo Under sempre “Rodeo”esattamente come il torneo giovanile, anche il “limitato” ha ottenuto un buon successo di partecipanti con 67 iscritti in totale.
Ricordiamo che la formula Rodeo prevedeva lo svolgimento dei tabelloni tutti in un singolo weekend. Si giocherà al meglio dei tre set a quattro game con la regola del no-ad (sul 40 pari punto decisivo con scelta di posizionamento del ricevitore): sul 4-4 si giocherà il tie-break con punteggio classico nei primi due set, nel terzo set invece è previsto un super tie-break a dieci punti. Ovviamente i vincitori dovevano disputare più partite al giorno.
Nonostante la presenza di tanti tennisti extra-toscani, alcun di essi tra i principali favoriti, come il 3.3 mantovano Roberto Toselli, testa di serie numero 1, il genovese Federico Murialdo e il laziale Damiano Panicini, alla fine a trionfare nel weekend senese sono due toscani. Toselli e Panicini si fermano in semifinale nel maschile, dove avviene una grandissima sorpresa, ovvero l’affermazione di Marco Fusi, 4.1 del Tc Match Ball Monteroni d’Arbia, cresciuto lungo i turni “veloci” del torneo: a Patrone e Toselli il vincitore ha lasciato appena un game in due partite, molto più complessa la finale, dove il 3.5 fiorentino ha lottato fino allo stremo e si è arreso soltanto per 24 54 10-7. Tra le donne vittoria di Asja Bicchi, empolese tesserata per l’APD Tc San Gimignano: in una finale tra le uniche 3.3 presenti ha battuto Giulia Bertini per 41 45 10-2, e anche in semifinale era servito il super tie-break per avere la meglio (10-8 al terzo) su una scatenata Matilde Cioncolini.

TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE

Condividi su:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *