Us Open: Kevin Anderson interrompe il sogno di Lorenzi, ma Paolo è nella storia con il primo ottavo di finale in uno Slam a 36 anni!

Paolo LorenziL’uomo dei record si inventa un altro capolavoro a trentasei anni! Paolo Lorenzi per la prima volta in carriera approda agli ottavi di finale in un turno del Grand Slam agli Us Open ($ 50.400.000, cemento), il quarto e ultimo major stagionale di scena sui campi di Flashing Meadow!
Il tennista senese ha sconfitto all’esordio il brasiliano Joao Sousa, numero 50 del mondo, con il punteggio di 46 63 76 62: un’autentica bestia nera il tennista carioca, visto che aveva vinto tutti e tre i precedenti, ultimo dei quali appena un mese fa a Kitzbuhel. Ma il Lorenzi odierno non aveva alcuna intenzione di arrendersi, anche dopo il primo set perso: decisivo il terzo parziale, equilibratissimo fino al 4-4 nel tie-break, quando lo strappo del toscano è risultato decisivo per il vantaggio di due set a uno. Nel secondo turno ecco arrivare il capolavoro di Lorenzi contro il lussemburghese Gilles Muller, testa di serie numero 19 del singolare. Come prevedibile il match è una battaglia di servizi, ma anche di nervi, perchè dopo il primo set perso al tie-break Paolino non demorde e pareggia i conti nel secondo: decisivo il terzo parziale, che approda nuovamente al tie-break dove questa volta il senese è perfetto. A questo punto l’avversario finisce la benzina e subisce subito il break, Lorenzi chiude con il punteggio di 67 63 76 63!
Il terzo ostacolo è l’amico Thomas Fabbiano, anch’egli autore di un bellissimo Us Open (62 64 64). Il sogno di Paolo è interrotto dal sudafricano Kevin Anderson, numero 32 delle classifiche mondiali. Per due set quest’ultimo ha giocato a un livello pazzesco, non lasciando scampo con le sue bordate di servizio e da fondocampo. Il toscano si è aggrappato strenuamente al tie-break del terzo, che si è aggiudicato. Nel quarto parziali Lorenzi guadagna un break di vantaggio sul 3-2: l’occasione per andare al quinto è ghiotta, ma la stanchezza e un Anderson di nuovo brutale fanno il resto per il 63 64 67 64 finale.

Condividi su:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *