WTA Bogota (250.000 $, terra): la legge di Arango punisce Jasmine Paolini con un bilancio in chiaroscuro in terra colombiana

Si conclude al secondo turno l’avventura di Jasmine Paolini nel Torneo WTA di Bogota (250.000 $, terra): un bilancio in chiaroscuro in un torneo major dove la lucchese si è trovata di fronte un tabellone davvero favorevole che ha sfruttato a metà. Brava la Paolini a superare in carrozza al primo turno la qualificata australiana Lizette Cabrera (60 61). La musica invece è cambiata agli ottavi contro la wild card locale Emiliana Arango, numero 510 delle classifiche mondiali: seppure decisamente favorita dal ranking, Jasmine non è riuscita a scrollarsi di dosso la colombiana e, arrivata al tie-break, ha ceduto di schianto (7-0) non riuscendo a reagire neppure nel secondo set (6-1).

Condividi su:
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • RSS

Una risposta a WTA Bogota (250.000 $, terra): la legge di Arango punisce Jasmine Paolini con un bilancio in chiaroscuro in terra colombiana

  1. cecca scrive:

    si vedeva che non respirava e l ha anche detto al suo coatch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *