Campionati Serie A1, A2 e B: le nuove regole. Si gioca tutto nel mese di luglio con una formula molto ridotta e rigide regole igienico-sanitarie

Nella giornata di oggi la Federazione Italiana Tennis ha reso noto le nuove regole per quanto riguarda i massimi campionati a squadre nazionali di Serie A1, A2 e B. Come era già noto, a causa dell’emergenza legata al covid-19, si giocherà in estate con una formula decisamente diversa rispetto al solito. Prima di andare a vedere tutte le principali novità, è necessario sottolineare una premessa chiarita anche dalla Federazione stessa. La validità del programma riportato, con riferimento alle date di svolgimento degli incontri, è quindi subordinata alle prossime decisioni del governo relative all’emergenza covid‐19: questo, tradotto in parole povere, significa che al momento non esistono norme e protocolli specifici per quanto concerne lo svolgimento di campionati sportivi ufficiali e potrebbero esserci delle modifiche nel momento in cui il Governo emanasse un decreto in materia oppure la situazione sanitaria dovesse nuovamente peggiorare.

Ecco i punti più salienti dei “nuovi” campionati a squadre nazionali:
– Tutti e sei i campionati (Serie A1, Serie A2 e Serie B maschili e femminili) durano da domenica 5 luglio a domenica 2 agosto. Dunque i tornei, che si solito durano due o più mesi, si esauriranno nel periodo-lampo di cinque settimane.
In ogni campionato le squadre saranno suddivise in gironi da quattro con partite di solo andata: i gironi dunque dureranno appena tre domeniche. Le prime classificate di ogni girone (e in alcuni casi le migliori seconde) si qualificheranno per i play-off, le ultime classificate di ogni girone (e in alcuni casi le peggiori terze) approderanno ai play-out per non retrocedere.
– Le squadre retrocesse dal campionato di Serie B maschile e femminile giocheranno nel 2021 in Serie B2, nuovo torneo a squadre che sarà introdotto dall’anno prossimo.
Le iscrizioni di ogni squadra dovranno avvenire entro il 22 giugno e i giocatori indicati nella precedente iscrizione potranno essere sostituiti: questo probabilmente è uno dei passaggi più importanti. In un momento così delicato infatti dovremo capire quanti circoli riusciranno effettivamente a mantenere o rinegoziare gli accordi economici con i loro giocatori, ed è prevedibile che alcuni di essi non saranno in grado di effettuare l’iscrizione per motivi economici. I circoli che non si iscriveranno saranno retrocessi alla categoria immediatamente inferiore e non subiranno ulteriori penalizzazioni o sanzioni.
– Gli incontri prenderanno il via dalle ore 15.00 anzichè la mattina.
– All’interno del circolo tennis potranno accedere al massimo due dirigenti della squadra ospite e un dirigente della squadra ospitata, un capitano per squadra e i giocatori. Tutte le persone all’interno del circolo, ad eccezione dei giocatori durante lo svolgimento della partita, avranno l’obbligo di indossare la mascherina.

1 Commento
  1. Stefano Bonechi

    Buonasera, vorrei porre un quesito. Quale potere ha la Federazione Italiana Tennis di imporre regole di procedure igienico sanitarie all’interno di un circolo privato? Ad esempio le docce: perche’ si devono fare una alla volta? Oppure, il circolo si può frequentare anche per rapporti sociali (mantenendo le distanze di sicurezza e indossando la mascherina) e i soci o i frequentatori, o gli ospiti non posso guardare un incontro di tennis? Oppure, potrà prendere parte alla giornata di gara un solo dirigente della squadra ospite, il giudice arbitro prenderà il documento a tutti i presenti? Ma le più belle sono quelle riguardanti l’infrazioni al regolamento tecnico sportivo, se non uso il piede-racchetta per dare la palla si parte con il punteggio penalizzato.
    Sto riflettendo da molto e c’è qualcosa che non mi torna……..

    11 Giugno 2020 at 17:23 - Rispondi

Invia un commento

La tua email non sarà pubblicata