“Caso Libertas”: la Corte d’Appello ribalta le decisioni del Giudice Sportivo e scagiona il circolo livornese, quest’anno la Serie D3 finirà il 28 luglio!

La Corte Sportiva d’Appello della Federazione Italiana Tennis ha preso una decisione definitiva per quanto concerne i gravi fatti accaduti il 14 aprile sul campo della Libertas Livorno in occasione della sfida di D3 maschile contro il Ct Donoratico. Ricordiamo che il giudice sportivo aveva inflitto la squalifica di quattro mesi ai campi del circolo labronico, ma in seguito al ricorso del club la corte sportiva d’appello federale aveva sospeso le sanzioni.
Ebbene la Corte d’Appello ha totalmente ribaltato la sentenza del Giudice Sportivo! Ha infatti disposto il proseguimento dell’incontro sospeso sul punteggio di 2-0 a favore della Libertas Sport “B”, per domenica 16 giugno 2019 alle ore 9.00. Il giorno 18 giugno alle ore 14.00 presso il Ct Certosa di Calci, si terrà l’eventuale sorteggio per dirimere eventuali situazioni di parità tra le seconde squadre classificate dei vari gironi per stabilire le squadre da qualificare alla fase regionale. Infine il giorno 19 giugno alle ore 10.00 presso il Comitato Regionale Toscano sarà effettuato il sorteggio del tabellone regionale della Serie D3 Maschile. Le giornate di gara della fase saranno: 23-30 giugno, 7-14-21-28 luglio: è stato scongiurato il rinvio a settembre della manifestazione, ma quest’anno la D3 si concluderà in un clima infuocato praticamente a ridosso del periodo festivo, la settimana precedente a Agosto.

6 Commenti
  1. fedex

    Federazione sempre più pagliaccia, un mese per prendere una decisione completamente opposta a quella del giudice sportivo!

    13 Giugno 2019 at 12:54 - Rispondi
    • MANCARE

      CI SAREBBE DA DOMANDARSI…… COME MAI E’ STATA PRESA UNA DECISIONE COMPLETAMENTE OPPOSTA?…..FORSE ALL’INIZIO NON ERANO STATE LETTE BENE LE CARTE……????

      13 Giugno 2019 at 15:41 - Rispondi
      • fedex

        Io ancora nn capisco come si faccia a dire prima una cosa e poi l’esatto opposto, ma questo succede anche nei tribunali figuriamoci alla FIT dove c’è il covo della scienza confusa…………..

        14 Giugno 2019 at 16:04 - Rispondi
  2. mc

    Finalmente giustizia e fatta!!
    ora ci sarebbe da chiedersi,.. come mai il giocatore del Ct Donoratico in un post, ha dichiarato che i dirigenti e soci della Libertas sono “omertosi” e che non hanno nemmeno soccorso i giocatori dopo il parapiglia?….mi spiace per lui, ma proprio i dirigenti del circolo hanno prestato i primi soccorsi a due malcapitati, e il Malcapitato, si dovrebbe vergognare per quello che ha scritto, gli “omertosi” sono stati proprio loro , dai dirigenti al capitano ai giocatori tutti, che hanno omesso, di dire alle forze dell’ordine che un giocatore della loro squadra durante il parapiglia e uscito dal circolo andando a prendere dalla propria auto un’ascia da boscaiolo, rientrando armato per dirigersi verso lo spogliatoio e fare “giustizia”.. solo il caso ha voluto che fosse intercettato dal G:A e da un dirigente del ct Donoratico , che lo hanno dissuaso dall’intento che aveva…togliendoli l’accetta, e non vado oltre. (il sig Spinelli non lo sa ma il circolo e’ controllato da telecamere, ovviamente i filmati sono stati raccolti dalle forze dell’ordine, e credo che il “boscaiolo” fosse proprio suo fratello, che oltre alla racchetta si porta dietro anche l’ascia ….quando va a giocare negli altri circoli..)
    E per finire volevo ricordare a tutti coloro che sui social , hanno scritto ‘ di tutto e di più, discreditando il circolo i soci e tutte le persone che ci lavorano, che prima di parlare e dare giudizi bisogna conoscere i fatti, o meglio…bisogna assicurarsi che il cervello sia in funzione!
    per la cronaca il ns ex socio coinvolto nell’episodio di aprile, e’ stato espulso il giorno successivo al misfatto, nel Ns circolo non e’ e non sara’ mai tollerato nessun tipo di Violenza….

    13 Giugno 2019 at 17:22 - Rispondi
  3. Checco

    Semplicemente una pagliacciata della Fit. Vuole dire che non hanno letto bene le carte? Ok doppia pagliacciata

    14 Giugno 2019 at 0:29 - Rispondi
  4. poggiacinque

    Buongiorno a tutti;
    più che sull’episodio singolo sarebbe opportuno forse porre l’accento sull’ennesima dimostrazione che la federazione non è capace di prendere decisioni equilibrate e rapide e che tutto questo viene fatto sulle spalle di giocatori e circoli. Al momento attuale 64 circoli (ed ad occhio e croce oltre 300 tesserati) hanno saputo da pochi giorni che dovranno giocare domenica 23 ed a tutt’oggi non sanno se in casa o in trasferta nè tantomeno contro quale squadra. Campi da prenotare, trasferte da organizzare, periodo da gestire…….una sorta di mission impossible. Per i circoli di Firenze, ad esempio, non si è tenuto in considerazione che si gioca nel ponte del Santo Patrono; niente di più facile che i giocatori, non avendo avuto notizie sulle date in cui si sarebbe svolta la prima giornata, abbiano prenotato piu’ o meno brevi vacanze e siano indisponibili. Alcune squadre rischiano di non poter scendere in campo, di sicuro, arrivando a questi punti della stagione, i risultati del campo saranno falsati dalle assenze. Il tutto in un campionato amatoriale quale è la D3. In conclusione si richiede un comportamento professionale a circoli e giocatori (GAC, direttore di gara, operatore DAE, obblighi vari, puntualità di trasmissione dei referti etc.) ma a monte la gestione è a dir poco dilettantesca e manca completamente di quel rispetto che ogni tesserato, sia esso un circolo importante o uno di periferia, sia esso un giocatore 2.1 piuttosto che un 4.nc, merita senza il minimo dubbio.

    17 Giugno 2019 at 8:29 - Rispondi

Invia un commento

La tua email non sarà pubblicata