Nuovo Decreto Draghi: i circoli tennis rimangono in modalità “closed” almeno fino al 30 aprile

Arrivano brutte, e per certi versi inaspettate notizie, dal nuovo Decreto Draghi che regolerà le attività all’interno del nostro territorio dal 7 al 30 aprile. Se qualcuno si aspettava un allentamento delle restrizioni rimarrà molto deluso: il nuovo decreto prevede addirittura l’istituzione unicamente di zone rosse e arancioni per tutto il mese di aprile, senza la possibilità di istituire zone gialle e bianche neppure a fronte di un significativo calo dei contagi.
Fino a maggio quindi l’Italia rimane chiusa a doppia mandata, e in particolare le palestre, le piscine e i centri sportivi, che continuano a pagare a carissimo prezzo questa politica restrittiva. Per quanto riguarda i circoli tennis, saranno penalizzati ancora una volta i non agonisti, che potranno giocare nei campi all’aperto solo in zona arancione ma non potranno accedere alle strutture sportive in zona rossa. Per i tesserati agonisti, partecipanti a “eventi di preminente interesse nazionale”, rimane la possibilità di giocare liberamente nel rispetto del protocollo per contrastare il dilagare del covid-19.
Dopo mesi e mesi di chiusure, si tratta di un’altra durissima mazzata per molti circoli tennis e per molti insegnanti, che accederanno ai ristori del Decreto Sostegni ma difficilmente beneficeranno di misure economiche sufficienti a ripianare le gravissime perdite subite.

0 Commenti

Invia un commento

La tua email non sarà pubblicata